Nasce il programma RETECH per implementare progetti digitali di trasformazione, con 530 milioni di euro

Digitalizzazione

Il secondo vicepresidente e ministro degli Affari economici e della trasformazione digitale Nadia Calviño ha presieduto venerdì 8 luglio la presentazione dell'agenda España Digital 2026, che fa il punto e aggiorna la tabella di marcia per la digitalizzazione approvata due anni fa dal governo e che ha comportato l'avvio di progetti nel settore della connettività, 5G, intelligenza artificiale, sicurezza informatica, competenze digitali, digitalizzazione dell'amministrazione e delle PMI e la diffusione della Spagna come hub audiovisivo europeo.

L'aggiornamento Agenda España Digital per l'orizzonte 2026 è stato presentato in un evento al Ministero degli Affari Economici che ha visto la partecipazione del presidente del governo, Pedro Sánchez, vicepresidente esecutivo della Commissione europea e commissario per la Concorrenza e il digitale, Margrethe Vestager, e i ministri del l'Industria, del Commercio e del Turismo, Reyes Maroto, della Scienza e del l'Innovazione, Diana Morant e delle Università, Joan Subirats, insieme a rappresentanti del settore pubblico e privato e beneficiari dei programmi del piano di ripresa.

Oltre ad incorporare gli 11 Progetti Strategici per la Ripresa e la Trasformazione Economica PERTE avviati con i fondi europei Next Generation EU, questo aggiornamento incorpora il nuovo programma RETECH, per investire 530 milioni di euro del piano di ripresa nel 2022 e 2023 per implementare reti di progetti tecnologici e trasformatori nell'area digitale sulla base delle proposte delle comunità autonome.

La prima vicepresidente ha annunciato che il governo avvierà il dialogo e il negoziato con la Comunità di Madrid per l'istituzione del Centro Nazionale di Neurotecnologia (Spain Neurotech), affinché la Spagna possa contare su un centro di riferimento in Europa e a livello mondiale, attirando professionisti di riferimento globale in questo campo, sulla base del progetto presentato dalle università Autónoma, Carlos III e Politécnica di Madrid, in collaborazione con le università americane di Columbia, Berkeley e Harvard.

Il Primo Ministro Pedro Sánchez ha sottolineato a conclusione dell'evento che la trasformazione digitale dell'economia spagnola è una priorità assoluta per il governo e ha sottolineato la dotazione di 20 miliardi di euro per la Spagna “il posto più promettente per molte aziende digitali leader”.

Il capo dell'Esecutivo ha anche sottolineato la creazione dell'Osservatorio Globale dello Spagnolo nella Rioja, essendo le nostre lingue una delle principali risorse, anche nel mondo tecnologico e dell'intelligenza artificiale, e l'impulso al programma Kit Digital per digitalizzare un milione di PMI.

Infatti, grazie al Piano di Ripresa e all'agenda Spagna Digitale, l'investimento dello Stato nella digitalizzazione nel periodo 2021-2022 è moltiplicato per 9 quella del 2019-2020, spingendo questo salto nella sua triplice dimensione di infrastrutture e tecnologie, economia e persone.

Nuovi assi: PERTE e progetto RETECH

L'Agenda España Digital 2026 comprende due nuovi assi trasversali relativi ai processi di digitalizzazione inclusi negli 11 Progetti Strategici per la Ripresa e la Trasformazione dell'Economia (PERTE), già approvati e avviati, e il programma RETECH per promuovere le Reti Territoriali di Specializzazione Tecnologica e per articolare i progetti proposti dalle Comunità Autonome che non si adattano alle PMI.

Il governo stanzierà inizialmente 530 milioni di euro di investimenti per questa nuova iniziativa per il periodo 2022-2023, con finanziamenti aggiuntivi da parte delle comunità autonome e, in base al successo, potrebbero essere rafforzati con i fondi dell'addendum al piano di ripresa.

In coordinamento con le comunità autonome e tenendo conto dei loro interessi, delle loro esigenze e delle loro potenzialità, RETECH identificherà e lancerà reti di progetti ad alto impatto territoriale ed economico, sia a livello regionale che statale, sulla base delle priorità stabilite nel piano di ripresa.

I progetti strategici che integreranno RETECH rispondono a diversi campi d'azione come l'intelligenza artificiale, i gemelli digitali come le soluzioni tecnologiche di simulazione virtuale di oggetti e sistemi; le tecnologie “verdi per progettazione” (GreenTech), la sicurezza informatica, le reti imprenditoriali digitali, la digitalizzazione in ambienti rurali e spopolati (RuralTech), l'industria tessile e della moda (FashionTech) e la sanità digitale.

Tali progetti saranno finanziati dall'amministrazione generale dello Stato e saranno ulteriormente finanziati dagli enti territoriali che si avvarranno degli strumenti di investimento esistenti nel piano di ripresa e nel suo futuro addendum.

Industrializzazione della Spagna attraverso i PERTE

Nel corso dell'evento sono stati proiettati diversi video con esempi di centri e imprese che beneficiano delle risorse europee del piano di ripresa e sono state organizzate tre tavole rotonde ad alto livello con la partecipazione di rappresentanti pubblici e privati, e dei benefici di questi programmi.

Raül Blanco, segretario generale per l'industria e le piccole e medie imprese, ha sottolineato l'opportunità di dare un notevole impulso alla politica industriale con risorse e grandi progetti della catena del valore come mai prima d'ora grazie al piano di ripresa.

Jaime Martorell, Commissario speciale per il progetto di microelettronica e semiconduttori (PERTE Chip), ha accolto con favore il fatto che i fondi europei Next Generation EU consentiranno alla Spagna di posizionarsi al livello di qualsiasi paese europeo per stabilire la tecnologia e la produzione dei chip. L'obiettivo per l'Europa è raddoppiare la quota di produzione di semiconduttori fino a raggiungere il 20% entro il 2030.

Cristina Gallach, Commissario Speciale del PERTE Nuova Economia della Lingua, ha indicato che questo progetto strategico è “molto collaborativo, su tutto il territorio e molto coesivo, con uno sguardo all'America Latina, e con collaborazione interministeriale e interistituzionale”. Da parte sua, Juan Romo, rettore dell'Università Carlos III e presidente della CRUE, ha affermato che la Spagna ha una “buona università” per avanzare nel processo di modernizzazione essendo il terzo paese del mondo nelle università entro il 5% dei migliori al mondo.

Questo processo, ha sottolineato la direttrice generale dello Sviluppo rurale, Isabel Bombal, indispensabile per affrontare la sfida demografica e la politica agricola comune, ha esortato a far sì che tutte le risorse europee e gli aiuti allo sviluppo rurale contribuiscano a un settore trasformato, digitale e innovativo.

Digitalizzazione: guidare il cambiamento tecnologico

Nella seconda tavola rotonda dedicata alla digitalizzazione, il segretario di Stato per la digitalizzazione e l'intelligenza artificiale, Carme Artigas, ha posto l'accento sul progetto emblematico del Kit digitale, Con oltre 3 miliardi di euro del piano di ripresa per digitalizzare un milione di PMI. Con il lancio della prima tranche di 500 milioni per aziende con 10-49 dipendenti sono già stati gestiti oltre 68.000 sussidi, sono stati concessi 12.000 voucher di digitalizzazione e migliaia di accordi.

Il direttore generale di AMETIC, Francisco Hortigüela, ha sottolineato l'importanza di questo programma per raggiungere la digitalizzazione fondamentale delle imprese, delle PMI e delle micropymes di tutti i settori.

Un altro punto saliente è stato il posizionamento delle università pubbliche spagnole in tutti i progetti 5G europei, come ha riferito il professore dell'Università di Malaga, Pedro Merino, che ha anticipato l'intenzione di andare anche al programma 6G-PPP con un anno di anticipo grazie al programma finanziato dalla Segreteria di Stato per la digitalizzazione e l'intelligenza artificiale.

Scommetti su ricerca e sviluppo

L'ultima tavola rotonda, incentrata sul l'impegno per la R & S, è stata moderata dal segretario generale per l'Innovazione, Teresa Riesgo, che ha accolto con favore l'impulso dato alla R & S con il piano di ripresa ponendosi al centro di esso.

Il notevole salto quantitativo e qualitativo in materia di R&S si è riflesso nei vari interventi. Il direttore generale del CDTI, Javier Ponce, ha anticipato che quest'anno l'ente tenterà di rompere una pietra miliare unendo in uno stesso progetto due aiuti, uno basato sul diritto commerciale e l'altro sul diritto pubblico per affrontare il problema del trasferimento di tecnologia in Spagna.

Monica Martínez Walter, presidente di GMV Global Internet Solutions, ha sottolineato che gli aiuti del programma Missioni Scienza e Innovazione stanno dando una spinta a guidare progetti di trasformazione digitale, come l'automotive sostenibile e la guida autonoma, il settore agricolo per prevedere i raccolti o rilevare i parassiti con l'intelligenza artificiale o la salute per rilevare precocemente malattie come l'Alzheimer o il cancro alla prostata.

Un altro esempio dell'utilità dei progressi realizzati con gli aiuti del CDTI è stato spiegato da Meritxell Teixido Tura, presidente di Gate2Brain, una startup che riceve l'aiuto Neotec, Ciò ha permesso di attrarre talenti e promuovere un progetto di nuova tecnologia per il trasporto di farmaci al cervello.

Javier Perea Sáenz de Buruaga, presidente del gruppo internazionale degli imprenditori, ha dettagliato l'utilità per questa società di 1.200 dipendenti delle sovvenzioni del CDTI per lo sviluppo di tecnologie e processi e materiali per lavorare con la produzione di energia mediante fusione nucleare. Lavora anche all'IFMIF-DONES, una nuova infrastruttura scientifica a livello europeo che si installerà a Granada.

Infine, Vicente Blanes, direttore del l'Associazione di ricerca del l'industria tessile (Aitex), ha dichiarato di aver partecipato negli ultimi tre anni a 130 progetti con 170 imprese coinvolte con CDTI, organismo del quale ha sottolineato che “funziona molto bene in termini di dotazioni economiche ed efficienza”. “È un esempio di ente pubblico. Se non esistesse bisognerebbe inventarlo perché è il polmone e il motore e catalizzatore numero uno della R&S applicata nelle imprese spagnole”, ha sottolineato.

Traduzione di Francesca Usai

Etiquetas

Descubre nuestras apps

stats