Imprenditorialità, digitalizzazione e talento giovane, pilastri del programma Inserta Empleo della Fondazione Once

Comunità Per Giovane Talento

Inserta Empleo, l'entità della Fondazione ONCE per la formazione e l'occupazione ha presentato questo lunedì la “Comunidad Por Talento Joven”, la prima iniziativa rivolta all'ambiente dei giovani con disabilità (famiglie e professionisti che li accompagnano) con l'obiettivo di consigliarli per promuovere la loro inclusione nel mercato del lavoro e accompagnarli durante il processo.

Per fare questo, la “Comunità per il giovane talento”, che mira a diventare il luogo di consulenza per le persone più vicine ai giovani con disabilità, offre risorse utili, contenuti e corsi di formazione sia per le famiglie che per i professionisti (psicopedagoghi, fisioterapisti...), al fine di aiutarli a rompere pregiudizi e barriere ed eliminare la sovraprotezione che in molte occasioni esercitano sui giovani con disabilità.

All'evento, tenutosi presso la sede di Por Talento Digital della Fundación ONCE a Madrid, hanno partecipato, tra gli altri, Alberto Durán, vicepresidente esecutivo della Fundación ONCE, e Vicente del Bosque, ex allenatore nazionale di calcio.

Cofinanziata dal Fondo Sociale Europeo, la “Comunità Per Giovane Talento” si materializza in uno spazio di connessione. Il primo offre contenuti di valore -conoscenza, strumenti e metodologie- ai giovani con disabilità, alle loro famiglie e ai professionisti che li servono: sanitari, insegnanti e consulenti. Così, la comunità virtuale ha una serie di corsi incentrati sulla fornitura di risorse, strategie, iniziative, linee guida e testimonianze che contribuiscono a facilitare i processi di inclusione del lavoro.

Il sito web ha tre sezioni, a seconda dei destinatari: per i giovani, le famiglie e per il terzo settore della disabilità e i professionisti socio-sanitari, insegnanti e consulenti. I contenuti formativi sono adattati a ciascuno dei destinatari.

Tra i corsi dedicati alle famiglie c'è il titolo “La fase dell'istruzione obbligatoria finisce, e ora cosa?”, in cui saranno trattati argomenti come i ruoli della vita giovane: lavoro, relazioni, vita indipendente; l'importanza di generare aspettative positive e praticabili di fronte al mondo del lavoro; risorse a loro disposizione delle famiglie; benefici della vita lavorativa; benefici personali: vita attiva, relazioni, Eccetera.

Per quanto riguarda la formazione per il terzo settore e i professionisti, saranno tenuti corsi come quello che risponde al titolo “La trasformazione delle entità; dai bisogni collettivi ai bisogni personali”, che affronterà aspetti come le tecniche e gli strumenti per migliorare le competenze personali e manageriali; le buone pratiche di intervento con i giovani; la trasformazione digitale nelle organizzazioni e il processo decisionale.

Esempio di corsi rivolti ai professionisti è l'imprenditorialità per socio-sanitari, insegnanti e consulenti: “Ho un'idea! E se cambia la vita di una persona?”, che riguarderà argomenti come l'era del talento e dell'imprenditorialità; le idee di business, le tendenze e i bisogni sociali; la creatività; le buone pratiche di imprenditorialità sociale e gli strumenti di analisi.

La “Comunidad Por Talento Joven” nasce per fornire la sicurezza di cui ogni essere umano ha bisogno quando affronta qualsiasi minima sfida che implichi l'esplorazione di nuovi scenari. “La mancanza di sicurezza è uno degli elementi chiave che ci possono essere dietro il divario di 7,8 punti tra i giovani senza disabilità, che non appena finiscono la loro fase di formazione si mettono ufficialmente a cercare attivamente lavoro, e i giovani con disabilità che, nella stessa situazione, non lo fanno”, dice Álvaro Galán, coordinatore del progetto Alianza con il Talento. “Se riusciamo a ridurre questo divario, l'iniziativa sarà un grande successo”.

Una campagna per attivare i giovani con disabilità

La “Comunità per giovane talento” è completata da una campagna di comunicazione che mira ad attivare i giovani con disabilità verso l'occupazione e a neutralizzare i possibili pregiudizi e le barriere che impediscono loro di farlo, e che in molti casi provengono dalla loro cerchia più vicina (familiari e professionisti che li forniscono supporto).

Ha tre pezzi audiovisivi che mostrano tre giovani con disabilità attivi nel mondo del lavoro. Questi sono tre chiari esempi in cui la forza potenziante ha sconfitto le credenze paralizzanti. Il primo, Rafa Benítez, è un giocatore professionista della squadra di basket in sedia a rotelle, UNES Barça; il secondo, Diego Soliveres, è un designer di scarpe da ginnastica con una disabilità visiva e uno dei partner del marchio Timpers, e Núria Figueras, la terza, è una graphic designer a La Casa de Carlota dove, il fatto di essere una persona con Il fatto di essere una persona con autismo, non le ha dato un freno per diventare una brava professionista, con l'aiuto del suo tutor, Inge Nouws.

Traduzione di Francesca Usai

Etiquetas
stats